Skip to content

Categories:

Enamorada!

 

 

E’ difficile ordinare le idee inoltre è risaputo che sono disordinata.

536980_578563235490478_671424190_n

Durante l’anno che ho vissuto in Bolivia mi sono innamorata tanto e tantissime volte:

quando bevevo la spremuta d’arancia fatta dalla donna che aveva il suo carrettino pieno d’arance

quando andavo al “mercado central” e mangiavo la sopa de manì

quando i bambini fremevano per giocare e mi dicevano “jugamos, jugamos”

quando arrivavano all’albergue e le ragazze mi salutavano con un “Buenos dias Doña Elisa”

quando il 15 maggio è arrivata Silvia e da allora abbiamo condiviso insieme la vita boliviana

quando il 29 giugno è arrivata Nadia, la mia amica del cuore

quando il 28 luglio ho riabbracciato mamma, papà, Vito e Grazia e li ho accolti in “tierra chapaca”

quando l’8 dicembre Matias mi ha raggiunto a Tarija, senza se e senza ma

quando sono andata a Tocaña, nella comunità afro-boliviana e ho vissuto 3 giorni con loro dormendo “en lo del pulga”

quando camminavo nella Isla del Sol dove non ci sono macchine ma solo natura e il cammino degli Inca

quando l’autobus si è rotto70 km da Potosì a 4000 m.s.m  e abbiamo dovuto aspettare nel nulla per 14 ore, fu allora che una signora mi ha dato le foglie di coca per sopportare l’altitudine e l’attesa

quando abbracciavo le mie ragazze dell’albergue e mi sorridevano

quando le ragazze mi raccontavano le loro storie di vita e sofferenza

quando dimostravano che loro volevano farcela, volevano andare avanti

quando sono nat@ Abril e Luis Fernando e le loro madri hanno amat@ subito le/i loro figl@

quando accompompagnavo i bambini all’asilo

quando andavo con le ragazze nei “centri di salute”

quando le ragazze erano contente e ridevano

quando io ero contenta e ridevo con loro

quando Aldo ha citofonato a casa ed è stata il primo amico che ho avuto

quando ho consociuto los y las chpacas

quando oragnizzavamo la varie feste e “despedidas”

quando le chiacchierate con Silvia duravano ore senza accorgercene e senza guardare l’orologio

quando i viaggiatori passavano da casa e lasciavano commenti sul nostro ibro degli ospiti

quando mi sentivo a casa…quando ho capito che la Bolivia era casa

Mi sono innamorata quando il 1 febbraio sono tornata in Italia ed ho abbracciato mia madre, mio padre e mia sorella

quando a Bologna ho riabbracciato il mio fratellino

quando il 9 marzo ho riabbracciato  Oma e Opa

quando ho riabbarcciato gli/le amici/he

Sono innamorata della vita e del mondo…continuerò ad innamorarmi il 21 aprile quando metterò piede in terra argentina.

Posted in General.


2 Responses

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

  1. Eugenio Scardaccione says

    A questa splendide ,toccanti dichiarazioni non posso che aderire e rispondere
    con sentito,traboccante affetto da una parte .Dall’altra desidero inserirmi nel merito dell’operazione che Elisa compie , cercando di fare un bilancio sintetico ma anche incisivo di un anno vissuto in America latina , in Bolivia e a Tarija in particolare. Quello che mi colpisce tanto è la voglia di fare non solo una verifica quantativa sui luoghi, paesaggi,sensazioni ,emozioni,tradizioni,costumi ma nche sulla qualità ed intensità degli incontri realizzati , che come le relazioni costruite sfociano in innamoramenti ed amori. Ed è proprio vero che questi incontri danno un senso e un significato alla nostra vita.Ecco perchè l’appello di Elisa ad innamorarsi della VITA, con tutto quello che ne consegue ,in termini di rischi ed opportunità, è salutare e benefico!

  2. Rosalina says

    Continua ad innamorarti della vita e a far innamorare gli altri.
    Il tuo calore, il tuo mostrarti anche nei momenti di fragilita’apre il cuore ed emoziona.
    Grazie!
    To voglio bene…!



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.

 
«